PROGETTO WELCOME: la formazione dei formatori ad Atene

 

 

 

 

Asylum, Migration and Integration Fund,

call AMIF-2016-AG-INTE-01 

"Integration of 3rd country nationals"

 

 

 

 

 

 

Si è conclusa la prima fase del  Programma Welcome, con la formazione dei 13 membri dello staff provenienti da ciascuna organizzazione partner del progetto (Belgio, Italia, Germania, Grecia e Spagna), che nei prossimi mesi condurranno un corso pilota per l’acquisizione di competenze digitali rivolto a giovani rifugiati e richiedenti asilo in età compresa tra i 16 e i 30 anni.

 

La “formazione dei formatori” si è svolta a marzo ad Atene, è stata ospitata per cinque giorni dalla ONG greca IASIS e aveva come obiettivo lo scambio di buone pratiche, metodologie innovative, conoscenze ed esperienza tra docenti di organizzazioni specializzate nell’inclusione digitale e nel supporto psicosociale dei rifugiati.

L’esperienza formativa, però, non si è limitata alle ore di lavoro in aula: il gruppo di formatori ha avuto l’opportunità di vistare il centro giovanile Connect Athens – che promuove attività di socializzazione e integrazione sociale ed è gestito da giovani volontari – e di partecipare ad una tavola rotonda presso la sede di IASIS, per discutere con operatori dell’ accoglienza, dell’inclusione e attori locali di immigrazione e buone pratiche per l’integrazione. Questo momento di confronto è stato un’importante occasione per i formatori, per comprendere la realtà dell’immigrazione, con particolare riferimento alle specifiche situazioni di rifugiati e richiedenti asilo in Grecia.

 

Il percorso formativo continuerà con lo studio e l’approfondimento degli argomenti trattati durante il meeting di Atene; in seguito i formatori, che potranno contare sul reciproco supporto per tutta la durata del progetto, faciliteranno come mentori digitali il corso rivolto ai giovani rifugiati e richiedenti asilo, che a loro volta organizzeranno workshop per i loro pari e per altri utenti interessati, dimostrando il loro potenziale di inclusione nella comunità locale.

I corsi pilota a Foligno partiranno a maggio, verranno sviluppati sulla base della metodologia del peer learning – apprendimento tra pari -  e saranno suddivisi in quattro moduli:

 

1. storytelling digitale;

2. programmazione;

3. giornalismo digitale;

4. soft skills (o competenze trasversali) per la ricerca del lavoro.

 

Nel corso del Social Hackathon Umbria #SHU2018, i giovani beneficiari del progetto, che avranno terminato la loro formazione e che parteciperanno all’evento in qualità di Junior Hackers, avranno l’opportunità di offrire dei workshop su competenze informatiche e digitali agli altri partecipanti.

Parte integrante del programma è anche la produzione di storie digitali, che daranno loro l’opportunità di riflettere sull’esperienza formativa e condividerla con i propri coetanei, per motivarli a partecipare ad attività educative, sociali e culturali, facilitando così il processo di integrazione e sviluppando capacità e competenze necessarie per l’ingresso nel mondo del lavoro.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Please reload

Archivio